Torna la grande boxe isolana

Torna la grande boxe isolana
Torna la grande boxe isolana

Torna la grande boxe isolana e lo fa con due match main event di grande valore.

Sabato 29 aprile, al Palazzetto Ferrini Basket di Quartu Sant’Elena era in programma una riunione pugilistica contro il bullismo con due incontri professionistici tanto attesi, soprattutto l’esordio di Lai, giovane pugile dell’AP Sardegna.

La manifestazione organizzata da Fabrizio Cappai (boxe team Cappai) in collaborazione con il team Carta (accademia pugilistica Sardegna) si è svolta con la vittoria dei due pugili di casa: Patrick Cappai (boxe team Cappai) il peso super gallo con uno score di (4-0) e l’esordio ufficiale nel mondo del professionismo di Stefano Lai, il super welter (accademia pugilistica Sardegna) con uno score di (2-0). 

Cappai vince e convince. 

Torna la grande boxe isolana

 Patrick Cappai ha incrociato i guanti con Yuri Zanoli. Il pugile sardo ha disputato un ottimo match sulle sei riprese, nonostante il pressing continuo di Zanoli, che in più occasioni ha provato a metterlo in difficoltà. 

Patrick è comunque riuscito a portare a casa un’altra importantissima vittoria con grande caparbietà, esprimendo la sua solita boxe elegante, raffinata che ricorda tanto quella di suo padre Fabrizio Cappai (allenatore ed ex pugile professionista) che lo segue da quando ha iniziato a tirare i primi pugni in palestra. 

4 match vinti su 4 disputati, sicuramente un buon inizio di carriera per il giovane pugile Quartese, che ha rappresentato la Nazionale Italiana in occasione dei mondiali Youth di Budapest nel 2018 e agli europei Under 22 del 2021.

Il debutto vincente nel professionismo di Stefano Lai

Torna la grande boxe isolana
Nella fotografia all’angolo: Stefano Lai insieme al suo maestro Paolo Carta.

Il giovane pugile cagliaritano, cresciuto nel tempio della boxe isolana l’AP Sardegna, palestra storica nel cuore di Is Mirrionis in cui si allenarono pugili del calibro di Rollo, Udella, Vacca e tantissimi altri campioni, debutta nel mondo del professionismo contro Ettore Pari

C’era grande attesa per il suo debutto che sarebbe dovuto essere nell’estate del 2022, ma a causa di burocrazie non si disputò. 

Un match di grande intensità sulle 6 riprese che ha visto Lai esibire tutta la sua tecnica, resistenza e coraggio. Portando diverse combinazioni che hanno fatto esaltare il pubblico presente. 

Un match non semplice, come definito anche dal suo maestro Paolo Carta, ma che Lai ha saputo gestire con lucidità ed estrema intelligenza. Soprattutto nelle riprese finali in cui il debito d’ossigeno iniziava a farsi sentire. 

Non potevamo aspettarci un esordio diverso da questo giovane pugile, che già tra i dilettanti aveva mostrato di possedere notevoli qualità tecniche. 

Le prime parole a caldo post match del suo allenatore Paolo Carta:<<Abbiamo scelto l’avversario insieme a Stefano, volevamo che l’esordio fosse con un pugile impegnativo, che venisse a Quartu a fare il match.>>

La grande boxe isolana torna e non delude le attese. Il nostro augurio è che questi giovani talenti isolani riportino i riflettori sul panorama pugilistico sardo, e che match di questo livello, coinvolgano sempre più le istituzioni a facilitare le organizzazioni e gli spostamenti in giro per la penisola.

Testo a cura di Redazione.

Nessun commento da mostrare.
3,6 / 5
Grazie per aver votato!
error: Contenuto criptato